Rinnovati i vertici de La Fonte Comunità Famiglia Onlus di Prosecco. L’assemblea dei Soci, si è riunita nella sede alle porte di Trieste, per nominare i rappresentanti che si occuperanno della gestione della struttura. Riconfermato alla guida, per il prossimo triennio, il Presidente Ferdinando Cassago, al timone già da diversi anni di una Comunità in costante crescita e all’avanguardia nella cura e nell’accoglienza delle Persone con Disabilità e dei minori non accompagnati.

Nuovo volto a ricoprire il ruolo di Vicepresidente, è quello di Elio Palmieri, personaggio di grande esperienza e talento professionale, avendo iniziato la sua attività presso l’Assessorato alla Salute della Regione nel 1964, concludendo la sua carriera in qualità di Direttore in area Sociale e Disabilità e per cinque anni, Presidente dell’ITIS di Trieste; a lui sono state affidate le deleghe al Personale e per i Rapporti istituzionali. Palmieri è stato chiamato a Prosecco, a seguito della prematura scomparsa dell’ingegner Giampaolo Centrone: una persona speciale, di grande intelligenza e sensibilità, che ha lasciato un enorme vuoto in tutta la Comunità. Riconfermato alla carica di Tesoriere, il geometra Massimo Pianta, che si occuperà anche di sovraintendere alle manutenzioni e alle opere, mentre, in qualità di Consigliere, è entrato a far parte del Board, il Fisiatra Andrea Picozzi, a cui vanno le deleghe relative alle Persone con Disabilità, anche grazie alla sua preparazione professionale.

Confermato per un altro mandato, il Collegio dei Revisori, composto dal Presidente Rodolfo Pobega, dal Vice Tullio Bontempo e dal Consigliere Nereo Malnis. Durante l’Assemblea, è stato approvato all’unanimità, il Bilancio di previsione per il 2018 e sottolineato il grande impegno nel lavoro della Direttrice Angela Giuliani, del Coordinatore dell’area disabili, Giacomo Coppola e di quello dell’area minori, Davide Daris, oltre al responsabile infermieristico Simone Stellian. E’ stato quindi consegnato un riconoscimento a Carla Husu, da sempre anima e fondatrice, assieme al compianto Carlo Calzi, de La Fonte.  Il premio arriva per un impegno costante e un supporto fondamentale da parte di una persona che si è sempre prodigata per il prossimo. Carla Husu opera ancor oggi all’interno della Comunità in qualità di volontaria nel Centro Diurno, affiancando gli educatori nelle varie attività. Sempre distintasi per la sua forza e tenacia, ha sempre profuso la massima dedizione per aiutare gli altri: una sorta di mamma adottiva per molti degli ospiti che portano per lei un grande affetto. Per tutta questa serie di motivi, la Consulta Regionale delle Associazioni di Persone con Disabilità e delle loro famiglie, ha deciso di attribuirle il Premio annuale di Solidarietà. “Accetto con grande commozione questo premio – ha affermato Carla Husu – un riconoscimento non soltanto a me, ma a tutte le persone che, ogni giorno si prodigano per le persone più deboli.”